#Parigi: abbattere le frontiere per combattere tutti i fascismi vecchi e nuovi

Pubblicato: 11/16/2015 in Politica Internazionale, Terrore
Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

no-bordersDa venerdì sera sto tentando di scrivere proposito dell’attacco a Parigi, tento ma non ci riesco. Parigi è anche casa mia, la mia città, quella che mi sono scelta (perchè certe città sono come gli amici, che te li scegli e non te li ritrovi sul groppone come i parenti) e il coinvolgimento mi impedisce di comporre frasi che descrivano ciò che provo in maniera razionale.

Quello di venerdì scorso è stato un atto di guerra, di quella stessa guerra atroce e inutilmente vigliacca che le potenze imperialiste occidentali hanno prodotto con i loro reiterati attacchi militari in Medioriente.

Con le loro missioni di guerra, che chiamano pace, motivate da interessi economici e politiche di potenza, americani ed europei (attraverso la manipolazione di identità ed appartenenze utilizzate come armi nel loro gioco economico), sono stati in grado, in una manciata di decenni di distruggere forze progressiste e tessuti sociali, di annientare resistenze popolari ed aprire così la strada ad un fascismo integralista religioso, che non conosce pietas e, in nome della realizzazione del “Grande Califfato”, porta il suo terrore sanguinario ovunque, dentro e fuori dai confini nazionali.

Ma se la responsabilità di aver prodotto IS e fondamentalismo è facile da attribuire, meno facile è scrivere che tutti noi siamo ugualmente responsabili dei morti di Parigi così come dei morti di Damasco, di Beirut, dei territori occupati della Palestina e di tutti i paesi in questa folle guerra.

Siamo tutti responsabili,  ognuno a modo nostro, con il silenzio, la passiva accettazione della versione fornita dai media, l’incapacità di far capire che non possiamo più stare a guardare ma che dobbiamo ribellarci e combattere insieme la barbarie. Dobbiamo abbattere le frontiere. Dobbiamo deciderci ed agire subito, perché non saranno solo i più di cento morti di Parigi. La guerra ed il terrore portati nel cuore dell’Europa faranno migliaia di altre vittime: tutti coloro che hanno un colore di pelle diverso, un diverso accento sono già e saranno sempre più le vittime di questo terrore. Non moriranno per una pallottola di kalashnikov, ma per la fascistizzazione, la xenofobia, l’intolleranza, le perquisizioni, i posti di blocco, l’odio. Moriranno di esclusione, moriranno di “terrore”. E con loro, inesorabilmente, moriremo tutti noi

 

Annunci
commenti
  1. […] Πηγή: #Parigi: abbattere le frontiere per combattere tutti i fascismi vecchi e nuovi […]

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...