BAGNO PUBBLICO GRATUITO E LAVATRICE PER TUTTI AD ATENE CONTRO L’EMARGINAZIONE CAPITALISTICA

Pubblicato: 02/09/2020 in Grecia
Tag:, , ,
Nell’ottobre 2017 nel quartiere di Exarchia ad Atene è stata creata una struttura collettiva autogestita di bagno pubblico e lavanderia, nel pianoterra dello spazio occupato GARE (Kallidromiou 74).
I bagni sono aperti tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 18 alle 20 e forniscono asciugamani, sapone, spazzolini da denti, dentifrici e rasoi puliti.
Un aiuto concreto, che fornisce servizi essenziali per chi vive ai margini della società, sia questi un senzatetto, un migrante o una persona che pur avendo un tetto non può permettersi di pagare le bolette.
L’iniziativa fu una risposta alla decisione infame del governo Tsipras, che il 28 settembre 2016 ottenne il via libera del Parlamento (152 voti a favore, 141 contrari) per la privatizzazione delle municipalizzate dell’acqua potabile di Atene e Salonicco. Questa era una delle tante condizioni poste dai creditori strozzini per dare al governo greco l’ennesima tranche di “aiuto” di 2,8 miliardi di euro. La privatizzazione dell’acqua servì in altri termini per pagare i creditori, i quali hanno contestualmente ottenuto da Tsipras la presidenza del nuovo fondo privato in cui sono confluite le società oggetto di privatizzazione; l’accordo tra Tsipras e creditori prevedeva che il Fondo avrebbe controllato le aziende dell’acqua potabile per 99 anni.
La privatizzazione, dimostrazione una volta di più eloquente del clamoroso fallimento del riformismo, ha comportato licenziamenti e peggioramento delle condizioni dei lavoratori coinvolti. Per questo sotto il Parlamento, nel giorno delle votazioni, hanno sfilato migliaia di lavoratori con cartelli di protesta piuttosto eloquenti: ”Ora venderete anche l’Acropoli!”. George Sinioris, capo dei lavoratori dell’azienda di acqua potabile ha dichiarato: “Stanno svendendo la ricchezza e la sovranità della nazione”.
Non so se questo spazio sia ancora in funzione, lo scoprirò la settimana prossima, quando per la prima volta sarò in Atene
Di seguito il testo di fondazione:

Struttura collettiva di bagno pubblico e lavatrice a Exarchia

GARE Occupation ha preso l’iniziativa di organizzare un bagno pubblico e una struttura di lavanderia. Dopo aver progettato in modo appropriato uno spazio precedentemente inutilizzato al piano terra dell’edificio, iniziamo a gestire la struttura, formando un corpo collettivo orizzontale che avrà la responsabilità politica e gestionale della struttura.Chiediamo a tutti coloro che riconoscono la necessità di una tale struttura sociale di partecipare equamente al suo funzionamento.
La pulizia fisica è un’esigenza chiave, fondamentale per la salute, il benessere e la libertà delle persone. Nel mondo capitalista, tuttavia, le infrastrutture idriche e di massa sono merci. Soprattutto durante questi anni di rapido saccheggio dei deboli finanziariamente, da parte dello stato e dei capi, l’accesso all’acqua è diventato un privilegio. Le strutture di assistenza pubblica sono state vendute a scopo di lucro, i senzatetto stanno crescendo e un gran numero di immigrati sta vivendo le stesse condizioni di povertà.
Il controllo sull’acqua crea un limite di classe. Coloro che non hanno accesso alla pulizia fisica diventano estranei, non istruiti e parassiti per la purezza superficiale, l’igiene e la speculazione dei privilegiati. La produzione di rifiuti è una condizione costituzionale della civiltà urbana. L’uno o quello le cui uniche risorse sono assegnate a lui sono la spazzatura del consumo privato, alienando materiale dal mondo e dal suo corpo e quindi interiorizzando la sua obsolescenza, rassegnando le dimissioni, isolato e lasciato a marcire per il bene della classe dirigente. Quanto più a lungo un uomo vive senza l’acqua che offre una protezione naturale dal contatto con gli sprechi del mondo urbano, tanto più difficile è invertire questo stato di sterminio di classe. L’esclusione idrica è una condanna della morte lenta.
L’edificio Kallidromiou 74 è un’infrastruttura che è stata ricostruita collettivamente contro l’abbandono, l’accumulazione privata e il controllo statale per soddisfare le esigenze sociali in termini di resistenza auto-organizzata alle istituzioni tiranniche. Il bagno pubblico indipendente serve la necessità di accesso gratuito all’acqua corrente e un’infrastruttura di pulizia di base per tutti e tutti i giorni. È un’impresa di esproprio sociale e di autogestione sulla base materiale delle risorse comuni e da questa posizione è uno spazio collettivo di sistemazione per chiunque si trovi in ​​uno stato di debolezza.
Nel corso della storia delle persone, l’acqua corrente è stata il loro luogo di incontro. Le città furono costruite vicino a fiumi, sorgenti e porti. Immaginiamo il bagno pubblico come luogo di incontro per senzatetto e senzatetto, per viaggiatori e viaggiatori, vicini e vicini, compagni e compagni che non riescono a trovare la libertà al di fuori della libertà comune. Un’oasi di solidarietà in un deserto desolato. Perché nel mondo che creiamo, non è rimasto nessuno.
TUTTI per TUTTI
Occupazione GARE”

fonte: https://www.embros.gr

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...